Home » Archivio News » LA PRESENZA DI UN CANE, ANCHE DI PICCOLA TAGLIA, PUO' RIDURRE L'ISOLAMENTO NEI MALATI DI ALZHEIMER

Archivio News

14/06/2021
Lo studio dell'UniversitÓ di Parma Ŕ stato pubblicato sulla rivista internazionale Animals (AGI) - 11 GIU. - La presenza di un cane, indipendentemente dalla taglia e dalla razza, stimola le persone con la malattia di Alzheimer (AD) a interagire riducendo il loro isolamento sociale e la solitudine. Lo dice uno studio realizzato da un gruppo di lavoro multidisciplinare coadiuvato da Fausto Quintavalla, docente del Dipartimento di Scienze Medico-Veterinarie dell’UniversitÓ di Parma e pubblicato sulla rivista internazionale Animals. La ricerca, compiuta dal gruppo composto dai docenti dell’Ateneo Giuseppina Basini, Alberto Sabbioni (Dipartimento di Scienze Medico-Veterinarie) e Paolo Caffarra (Dipartimento di Medicina e Chirurgia), dalla psicologa Diana Spinelli e dai medici veterinari esperti in medicina comportamentale e approccio cognitivo zooantropologico Simona Cao e Fiammetta M. Rossi, ha coinvolto 30 pazienti con malattia di Alzheimer e 3 cani coterapeuti. Nel corso dello studio, si Ŕ notato che le persone che hanno avuto la possibilitÓ di giovarsi della presenza del cane hanno ottenuto un miglioramento complessivo del proprio stato di benessere percepito, anche sul piano cognitivo e mnemonico. Ne consegue che gli interventi assistiti dagli animali contribuiscono al miglioramento del benessere sociale e globale. La presenza di un cane, indipendentemente dalla taglia e dalla razza, stimola le persone con la malattia di Alzheimer (AD) ad interagire riducendo il loro isolamento sociale e la solitudine. Tuttavia, due mesi dopo la fine delle sessioni con gli animali, i benefici dell’intervento tendono a diminuire progressivamente, suggerendo quindi la necessitÓ di interventi prolungati nel tempo e correlati alla presenza dell’animale in modo costante nella routine dei pazienti. La malattia di Alzheimer (AD) Ŕ la causa pi¨ comune di demenza nell'uomo: Ŕ stato stimato che in Italia, nel 2020, si siano verificati oltre 500.000 nuovi casi di demenza.
Il sito ASSALCO è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione ePORTAL