USERNAME
PASSWORD
Dimenticato
la password?
RICERCA
AREA ASSOCIATI
 Assemblea
 Comitati
 Convocazioni
 Verbali
 Assalco Newsletter

AREA TECNICA
 Circolari
 Normative di settore
 Normativa comunitaria
 Normativa nazionale
 Normativa regionale
 Note/Circolari
 Comunicazioni Fediaf

AREA COMUNICAZIONE
Nuove notizie!!! Rassegna stampa

AREA SINDACALE
 Documentazione

VARIE

ULTIMA ORA
[13/03/2020]
CORONAVIRUS: BRAMBILLA, AD ANIMALI GARANTITI CIBO
E SALUTE

Presidente intergruppo parlamentare, ecco cosa consente decreto

(ANSA) - ROMA, 12 MAR - I punti vendita che commercializzano alimenti e beni per animali d'affezione "sono considerati 'di prima necessità' e quindi rimangono aperti, come avevamo chiesto". Lo sottolinea la deputata Michela Vittoria Brambilla, presidente dell'Intergruppo parlamentare per i diritti degli animali e della Lega italiana per la Difesa degli animali e dell'ambiente, che fornisce altri chiarimenti sul decreto. "La vita e la salute degli animali - ricorda l'ex ministro - sono beni tutelati dal codice penale". In generale, prosegue Brambilla in una nota, "ci si può spostare con gli animali facendo l'autodichiarazione, se l'esigenza è determinata da situazioni di necessità. Sono quindi permesse, in quanto necessità fisiologiche, le normali passeggiate con il cane per lo sgambamento e i bisogni. Anche da un Comune all'altro, se occorre, sono consentiti gli spostamenti per indifferibili necessità mediche dell'animale, ovviamente munendosi di autocertificazione e (meglio ancora) di certificato veterinario.

Tra queste necessità - spiega la deputata - rientra l'acquisto di alimenti, normali e speciali, e di tutto quanto serve per accudire. Ma non sarà indispensabile spingersi troppo lontano, perché i negozi di e per animali, come richiesto al governo dell'Intergruppo parlamentare, restano aperti. In base allo stesso principio di necessità, i volontari autorizzati che prestano la loro opera in un canile o in un gattile per alimentare o assistere gli animali, possono, con l'autocertificazione, proseguire nella loro attività. Basterà l'autocertificazione anche per occuparsi dei cani di quartiere o delle colonie feline".

E' invece sospesa, perché differibile, conclude la deputata, "la gestione di percorsi adottivi. Comprese le operazioni di affido degli animali da parte dei canili sanitari e dei rifugi, salvo esigenze inderogabili".(ANSA).

 

DOCUMENTI ASSALCO
Prova Corretta etichettatura
Prova Rapporto sul settore
Prova Posizioni ufficiali
Prova Manuali
 Nutrizione
 Sicurezza
 Comunicazione

UFFICIO STAMPA
Nuove notizie!!! Rass. stampa Assalco
Prova Cartella stampa
Prova Comunicati stampa
Prova Contatti

DATI DI SETTORE
Prova Dossier
Prova Stabilimenti autorizzati
Prova Statistiche

Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani
ASSALCO - Associazione Nazionale tra le Imprese per l'Alimentazione e la Cura degli Animali da Compagnia
Piazza di Spagna, 35 00187 Roma Tel 06.69200898 Fax 06.69295405, email assalco@assalco.it